.
Annunci online

federica mogherini
Sull' Europa

DICIAMO BASTA ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

2 agosto 2012 permalink 0commenti


Diciamo BASTA alla violenza sulle donne.

I diritti, la dignità e il rispetto delle donne non possono più attendere.
Firma qui la petizione del Partito Democratico per l’adesione dell’Italia alla Convenzione di Istanbul del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica.

Sull' Europa

CONVENZIONE EUROPEA CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE: INTERPELLANZA URGENTE PER CHIEDERE FIRMA DEL GOVERNO ITALIANO

11 luglio 2012 permalink 0commenti

“Oggi abbiamo depositato un’interpellanza urgente al Governo per sapere perché, dopo ripetuti pronunciamenti favorevoli del Parlamento e trascorsi diversi mesi, l’Italia non abbia ancora firmato la “Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica”.

Si tratta di un primo, importante strumento internazionale giuridicamente vincolante per garantire una protezione alle donne contro qualsiasi forma di violenza, che introduce misure concrete di prevenzione, di tutela in sede giudiziaria, di sostegno alle vittime.

La Convenzione è già stata firmata da 21 tra i principali paesi europei, tra cui Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna,  Austria, Svezia, Finlandia, Norvegia, Grecia, Portogallo, Turchia.

Si tratta di uno strumento ancora più utile di fronte al crescere del numero di episodi di violenza contro le donne in Italia e in Europa, che delineano un  dramma umano e sociale che spesso si consuma innanzitutto all’interno dei nuclei familiari  e che richiede iniziative urgenti di prevenzione e di sostegno alle vittime.

Per questo ci auguriamo che il Governo italiano, in coerenza con gli impegni già assunti in tal senso in sede parlamentare, sottoscriva con urgenza la Convenzione europea contro la violenza sulle donne e consenta al Parlamento di ratificarla e renderla esecutiva prima possibile”.

E’ quanto dichiara Federica Mogherini (deputata, responsabile globalizzazione PD e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa), prima firmataria dell’interpellanza urgente sottoscritta anche da Deborah Bergamini (PDL), Paola Binetti (UDC), Giulia Bongiorno (FLI), Massimo Polledri (Lega Nord) e da numerosi parlamentari del Partito Democratico.

Sull' Europa

VIOLENZA DONNE: DI FRONTE A EMERGENZA IN CRESCITA, È URGENTE ADESIONE ITALIANA A CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D’EUROPA

3 luglio 2012 permalink 0commenti

“Le notizie di cronaca continuano a riproporre, ormai quotidianamente, l’emergenza della violenza contro le donne nel nostro paese.

Lo confermano, oltre ai nuovi drammatici episodi di questi giorni, anche i dati diffusi dalla piattaforma CEDAW delle Nazioni Unite, secondo cui in Europa ogni giorno 7 donne vengono uccise dai loro partner.

In Italia, nel 2011 sono morte 127 donne (il 6,7% in più rispetto al 2010) e quest’anno fino a giugno si sono già registrate 63 vittime.

Si deve affrontare con urgenza un vero e proprio dramma sociale, che nasce e spesso si consuma innanzitutto all’interno dei nuclei familiari, con strumenti concreti di sostegno alle vittime (a partire dai centri di ascolto e antiviolenza) e con misure di contrasto al disagio economico e alla marginalità sociale in cui maturano la conflittualità nelle relazioni, la discriminazione e gli abusi sulle donne. Ma soprattutto va combattuta una cultura diffusa di acquiescenza, di tolleranza e di indifferenza verso ogni forma di violenza - fisica e psicologica – di cui purtroppo sono ancora vittime le donne nel nostro Paese.

Per questo, si avverte ancora di più l’urgenza che l’Italia aderisca alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica, firmata a Istanbul nel 2011.

Il Governo italiano è stato già più volte sollecitato in questo senso dal Parlamento, con un invito che vogliamo rinnovare, affinché anche il nostro Paese possa recepire - come già avvenuto nei principali paesi europei – uno strumento giuridico internazionale essenziale per proteggere le donne da qualsiasi forma di violenza, attraverso misure di prevenzione, di tutela in sede giudiziaria, di sostegno alle vittime che sono previste dalla Convenzione di Istanbul".

E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata, responsabile globalizzazione per il PD e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa.

Sull' Europa

SULLA CRISI DELLA DEMOCRAZIA IN EUROPA

28 giugno 2012 permalink 0commenti
Il mio intervento di ieri in aula all'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, a Strasburgo, sulla crisi della democrazia in Europa:

2012 ORDINARY SESSION

PARLIAMENTARY ASSEMBLY OF THE COUNCIL OF EUROPE

________________________

(Third part)

REPORT

Twenty-third Sitting

Wednesday 27 June 2012 at 10 a.m.

3. Joint debate – Democracy at risk: the role of citizens and of the State today: (i) The crisis of democracy and the role of the state in today’s Europe; (ii) The portrayal of migrants and refugees during election campaigns

Ms MOGHERINI REBESANI (Italy) – All around Europe, there are two paradoxes facing our democracies. On the one side, globalisation and the financial crisis have unveiled the urgent and absolute need for global political action. A couple of decades ago, we used to say that we should think globally and act locally. It is now clear to everybody that this is not enough: we have to think globally but act locally and globally as well. We need global levels of institutional co-operation and global political actors – although I should say that civil society, youth movements and international non-governmental organisations sometimes seem far more ready to act in this way than political parties. On the other side of the paradox, opinion polls and electoral trends show that people seem to be afraid of delegating national sovereignty – look at the European Union debate. There has also been an increase in populist discourse and localist movements, yet often, those citizens who declare that globalisation is the context in which politics should take place are the same ones who vote for localist parties or movements.

In these times of economic crisis, we are facing conditions where political leaders and parties know exactly what should be done. Let us take the example of immigration. We all know very well that immigration is not only unstoppable but necessary, if we want our economies and welfare systems to be sustainable. On the other side, we have to win elections, and sometimes long-term and global thinking is compromised by the short-term electoral message. This is the second paradox that we are facing in our democracies. I will put it in a brutal way: has democracy become part of the problem rather than part of the solution? This is the implication when you look at Greece – or, sometimes, at Italy. Our elections are a time of problems rather than a time of participation.

The answer is to open up participation. On the one side, we need a different kind of participation – earlier, someone talked about horizontal or interactive participation – but on the other side, we need to exercise responsibility, as was mentioned just now. Electorates ask political parties to take responsibility, speak the truth and deliver results. This is what we have to do. The only solution is transparency in politics and institutions, and opening up political parties, making them effective and efficient instruments for participation, at the service of their communities and countries through delivering results. Only in this way will we save our democracies from these paradoxes.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Consiglio d'Europa democrazia cittadini Europa

permalink | inviato da BlogMog il 28/6/2012 alle 13:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sull' Europa

TOBIN TAX: L’IMPEGNO DEL VERTICE DI ROMA È IMPORTANTE NOVITÀ, ORA IL CONSIGLIO EUROPEO DIA VIA LIBERA

22 giugno 2012 permalink 0commenti

“L’impegno assunto oggi a conclusione del vertice di Roma tra Italia, Germania, Francia e Spagna per l’introduzione in Europa di una tassa sulle transazioni finanziarie – da attivare, anche in assenza dell’unanimità di consenso tra i paesi UE, attraverso la procedura di una cooperazione rafforzata – rappresenta un segnale di novità politica molto significativo.

Non vi è dubbio che dal Consiglio europeo del 28 e 29 giugno ci si attende una svolta politica più generale – di cui in realtà si rintracciano ancora segnali troppo timidi e contraddittori – con una strategia continentale per la crescita e la creazione di nuova occupazione; con passi concreti verso un più stretto coordinamento finanziario e l’attivazione di strumenti di garanzia del sistema creditizio a livello comunitario; con la messa in sicurezza dei bilanci pubblici dei paesi UE attraverso strumenti di mutualizzazione (almeno parziale) dei debiti sovrani – se non con gli Eurobond, almeno col Fondo di Redenzione -; con la definizione di una road map per l’integrazione e l’unione politica europea.

Ma, in questo quadro, la decisione di rilanciare oggi da Roma la proposta di tassare le transazioni finanziarie rappresenta una scelta politica comunque impegnativa, con cui si indica uno strumento concreto – di certo non l’unico, ma sicuramente significativo – per uscire da una crisi economica europea e internazionale, iniziando a regolare la finanza globale e le sue degenerazioni, contrastando la speculazione internazionale e raccogliendo risorse da destinare agli investimenti per l’occupazione e per la crescita.

Ora ci attendiamo coerenza e determinazione da parte dei 4 governi europei che oggi si sono ritrovati a Roma nel voler tradurre la proposta di tassa sulle transazioni finanziarie in scelte concrete e operative sin dal prossimo vertice europeo di fine mese.

Sarebbe una prima, importante risposta alla crisi economica che ha investito in questi anni l’Europa, indicando come un altro modello di sviluppo più sostenibile, un ruolo più sano della finanza in rapporto con l’economia reale e col mondo produttivo, un’Europa dei diritti e della partecipazione democratica siano obiettivi possibili, da costruire passo dopo passo, con scelte innovative e coraggiose come questa”.

E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata e responsabile globalizzazione PD.

Sull' Europa

TASSA TRANSAZIONI FINANZIARIE: SEGNALE CHIARO E CORAGGIOSO DAL PARLAMENTO EUROPEO, ORA GOVERNI UE DIANO IL VIA LIBERA

23 maggio 2012 permalink 0commenti

“Oggi dal Parlamento Europeo giunge un segnale molto chiaro, coraggioso e saggio ai Capi di Stato e di Governo che si riuniranno stasera per il vertice informale del Consiglio europeo.

L’approvazione a larghissima maggioranza di una risoluzione per l’istituzione di una tassa sulle transazioni finanziarie con un'imposizione dello 0,1% per azioni e titoli e dello 0,01% per i derivati rappresenta un’indicazione precisa rivolta ai Governi europei, affinché l’agenda per la crescita a cui si sta lavorando preveda anche questo strumento di regolamentazione delle attività della finanza globale, consentendo di far pagare, almeno in parte, il costo economico e sociale della crisi internazionale a chi l’ha provocata con un’attività predatoria che in questi anni ha puntato a generare ricchezza dalla speculazione e non dagli investimenti sull’economia reale, sul lavoro e sulle attività produttive.

La risoluzione approvata dal Parlamento Europeo – di cui era relatrice per il gruppo Socialisti&Democratici la greca Anni Podimata – rappresenta un passo in avanti coraggioso perché sostiene la necessità di procedere comunque all’istituzione della tassa sulle transazioni finanziarie, anche in assenza di unanimità tra i 27 paesi UE, attivando una cooperazione rafforzata che consenta ad un minimo di 9 paesi di fare da apripista e di sperimentare questo strumento.

Infine, è un’indicazione saggia ed equilibrata, perché allo stesso tempo il Parlamento Europeo sollecita i Governi a tentare comunque di giungere all’adozione della tassa su tutto il territorio dell’Unione, proprio per evitare possibili distorsioni nel mercato interno, e di guidare un’iniziativa per la conclusione di un accordo più complessivo a livello mondiale. Così come propone di prevedere aliquote europee abbastanza contenute, che possano minimizzare i possibili rischi di delocalizzazione.

Dare il via libera a questa proposta significa poter liberare circa 55 miliardi di euro l’anno da destinare in parte alla crescita economica e alla creazione di posti di lavoro in Europa e in parte all’aiuto allo sviluppo e alla lotta al cambiamento climatico.

Ora spetta ai Governi europei dimostrare di essere all’altezza delle urgenze e dei compiti da assolvere, e di avere il coraggio di compiere scelte per rilanciare l’economia continentale con strumenti innovativi che, ormai, raccolgono un consenso crescente tra i cittadini, le forze politiche, i movimenti e le associazioni a livello europeo”.

E' quanto dichiara Federica Mogherini, deputata e responsabile globalizzazione PD.

Sull' Europa

TUTTE LE SFIDE DEL VERTICE NATO

19 maggio 2012 permalink 0commenti

Nei prossimi giorni a Chicago, con il vertice dei Capi di Stato e di governo, la Nato ha un'occasione per affrontare questioni non banali, che riguardano il futuro e l'essenza stessa dell'Alleanza Atlantica. L'agenda è densa, il contesto internazionale fluido e complesso come raramente negli ultimi decenni, e la crisi economica impone scelte che non facciano i conti solo con le priorità strategiche ma anche con esigenze di bilancio sempre più stringenti.

La difesa ai tempi della crisi, l'occidente ai tempi della complessità globale - potrebbe essere questo il sottotitolo del vertice di Chicago.

Sono anni che si parla dell'evoluzione del quadro delle minacce alla sicurezza internazionale, ed il nuovo Concetto Strategico approvato a Lisbona nel 2010 delineava già uno scenario molto differenziato di fattori di rischio - dalla pirateria al terrorismo, dalla proliferazione nucleare fino alle frontiere della cyber-security.

Un contesto in cui la tradizionale dimensione militare della difesa va necessariamente accompagnata da strumenti diversi, più efficaci per prevenire e contrastare minacce che tradizionalmente militari non sono: intelligence; cooperazione civile e sostegno allo sviluppo economico e all'institution building; promozione dei diritti umani e di sistemi giudiziari efficienti; misure di disarmo e non-proliferazione nucleare, messa in sicurezza degli arsenali e creazione di zone libere da armi di distruzione di massa; rafforzamento degli strumenti diplomatici e di governance regionale e globale; investimenti per la cyber-security. Il confine tra operazioni militari e strumenti non militari per garantire la sicurezza internazionale si fa labile, permeabile, confuso: nel bene (la rivincita del soft power sull'hard power, del valore del partenariato sullo scontro di civiltà) e nel male (la confusione di ruoli tra civili e militari nell'ambito delle missioni internazionali, l'uso non sempre lineare dei già miseri fondi per la cooperazione).
In più, risulta ormai del tutto evidente che la distinzione tra operazioni "in area" e "fuori area" è diventata fittizia: se la minaccia è globale, frammentata, delocalizzata, diventa ridicolo ragionare in termini di frontiere nazionali, o anche continentali, perché la dimensione della sicurezza si slega sempre più da quella territoriale, e viaggia sui binari più indeterminati e difficilmente governabili delle dinamiche globali. È, in fondo, la categoria stessa di "fuori area" ad essere saltata. Oggi viviamo in un'unica "area comune", che ci piaccia o no, ed è con questa realtà che dobbiamo fare i conti.

Di fronte a questo scenario, la Nato potrebbe quindi fare dell'appuntamento di Chicago l'occasione per affrontare alcuni dei nodi che sono rimasti irrisolti dopo il vertice di Lisbona. Ci proverà? In parte sí, tenendo però bene a mente che la priorità di questo vertice "elettorale" sarà quella di "andare liscio", "smooth". È il primo vertice Nato che gli Stati Uniti ospitano da 13 anni a questa parte, e non per caso si tiene nella città di un presidente (e del suo quartier generale elettorale) che da premio nobel per la pace non può concedere nessun pretesto ai repubblicani per accusarlo di essere un "commander in chief" debole.

E' il primo vertice Nato di Hollande, che deve da una parte assumere credibilità in un contesto internazionale non facile per un Presidente non solo francese ma anche socialista, e dall'altra non perderne con i suoi elettori, che dovranno votare ancora per lui alle legislative di metà giugno. È il primo vertice Nato dopo il reinsediamento di Putin al Cremlino, e l'assenza di Mosca a Chicago - con la conseguente impossibilità di tenere il Consiglio Nato-Russia - è senz'altro dovuta ad una persistente difficoltà di condivisione del progetto di difesa missilistica, ma non può che essere letta anche come un messaggio di portata più generale sul carattere e sugli orientamenti del "nuovo" presidente, da sempre meno incline di Medvedev ad un dialogo più sereno con gli Stati Uniti (e non sembra estranea a questo messaggio anche la scelta che sia proprio Medvedev a partecipare al G8 di Camp David immediatamente prima del vertice di Chicago).

Sarà anche il primo vertice Nato a fare pienamente i conti con la crisi economica e con i suoi effetti sia sui bilanci degli Stati, sia sulle opinioni pubbliche - e non è un caso che proprio a Chicago si lancino 20 progetti di "Smart Defense" che, al di là di quanto siano realmente nuovi e condivisi, passeranno il messaggio della razionalizzazione ed ottimizzazione delle risorse. Sarà quindi senz'altro un vertice dominato dalle esigenze interne di molti dei suoi protagonisti, con la conseguente necessità di posticipare le decisioni più problematiche - come nel caso dell'approvazione della Defense and Deterrence Posture Review, che se pure porterà la Nato a fare qualche passo avanti sulla via della revisione della sua politica nucleare, non ne scioglierà certamente tutti i nodi.

Sarà però impossibile, anche in questo anno elettorale, ignorare la portata delle sfide che questo tempo porta con sé. Non è un caso infatti che proprio quello di Chicago sia il vertice Nato più affollato, con la partecipazione, accanto ai 28 paesi membri, di partner che hanno partecipato o partecipano a missioni congiunte, per un totale di 53 Capi di Stato e di governo - un potenziale passo verso la trasformazione dell'Alleanza Atlantica in vero e proprio hub di reti di partnership globali.

E sarà l'ultimo vertice Nato ad occuparsi della priorità Afghanistan, tenendo insieme rassicurazioni di non abbandono del paese a se stesso (rafforzate dalla stipula di accordi bilaterali di lungo periodo, ma minate dal grido di allarme di donne ed attivisti per i diritti umani in Afghanistan), e voglia di mettere fine il più rapidamente possibile alla dimensione strettamente militare dell'intervento - cosa che oggi, con il 75% della popolazione sotto il controllo delle forze di sicurezza afghane, appare non solo possibile ma anche necessaria ed urgente. Sullo sfondo, da una parte il tema delle relazioni tra un'Alleanza Atlantica forse in crisi di identità ma piuttosto solida dal punto di vista operativo, ed un'Unione Europea ancora orfana di una politica estera, di sicurezza e di difesa comune, e distratta da altre urgenze; dall'altra la spietata consapevolezza che non è più l'Atlantico il centro del mondo - neanche per gli Alleati Atlantici. Forse il vertice di Chicago non riuscirà ad affrontare e risolvere tutta la complessità di questi scenari, ma dovrà almeno porre le basi per affrontarla utilmente in un futuro prossimo, lasciando aperta la porta a riflessioni e decisioni di più lungo periodo.

Articolo pubblicato sul quotidiano Europa sabato 19 maggio 2012

Per la pace

VERTICE NATO: APPELLO EUROPEO PER DISARMO, ORA PASSI CONCRETI PER ELIMINAZIONE ARMI NUCLEARI TATTICHE IN EUROPA

18 maggio 2012 permalink 0commenti

Alla vigilia del vertice NATO di Chicago del prossimo 20 e 21 maggio, 45 personalità europee, ex premier e ministri, politici, militari e diplomatici, raccolti dal network internazionale ELN (European Leadership Network Multilateral Nuclear Disarmament and Non-Proliferation - www.europeanleadershipnetwork.org) hanno sottoscritto e diffuso oggi un appello per sollecitare i leader dell’Alleanza Atlantica a compiere concreti e coraggiosi passi in avanti in materia di disarmo e non proliferazione nucleare, approvando una “Defence and Deterrence Posture Review” (DDPR) che riduca i rischi nucleari in Europa e rafforzi le capacità di difesa della NATO di fronte alle nuove minacce globali del 21° secolo.

La NATO si è impegnata al Vertice di Lisbona nel 2010 a lavorare per creare le condizioni di un mondo senza armi nucleari e, tuttavia, continua a dispiegare le armi nucleari tattiche in Europa a distanza di vent’anni dalla fine della Guerra fredda.

Il vertice di Chicago può rappresentare un’importante occasione per iniziare a cambiare direzione, ripensando e rilanciando, in uno scenario internazionale completamente modificato, i principi su cui si basa l’Alleanza.

In particolare, in materia di disarmo e di controllo degli armamenti, l’appello sollecita: un taglio immediato del 50 per cento delle armi nucleari non strategiche presenti in Europa; un aumento negoziato dei tempi di allarme e di decisione di natura politica e militare relativi alle armi nucleari, limitando così  il timore della prospettiva di uno «short warning» rispetto ad un attacco convenzionale; un cambio della “declaratory policy” della NATO, affermando che il ruolo fondamentale delle armi nucleari è la deterrenza dell'uso di armi nucleari da parte di altri.

L’appello sollecita inoltre: una maggiore attenzione per i progetti di cooperazione regionale in materia di difesa convenzionale, per assicurare credibilità alla deterrenza collettiva della NATO nel quadro di una riduzione e di un uso più efficiente delle risorse disponibili; la previsione di un progressivo ritiro delle armi nucleari tattiche presenti in Europa entro i prossimi 5 anni nel quadro di scelte bilanciate e ulteriori riduzioni degli armamenti anche da parte russa; il rilancio di un dialogo approfondito tra NATO e Federazione Russa in materia di sicurezza e difesa euro-atlantica.

L’appello europeo è sottoscritto, tra gli altri, da Javier Solana, Michel Rocard, Massimo D’Alema, Gro Harlem Brundtland, Ana Palacio, Des Browne, Arturo Parisi, Giorgio La Malfa, Federica Mogherini, Margherita Boniver, Carlo Trezza, Giancarlo Aragona, Francesco Calogero e Carlo Schaerf.

“E' un appello che rivolgiamo ai leader dei paesi della NATO, affinché il vertice di Chicago non sia un’occasione persa. Oggi si possono fare nuovi, concreti passi in avanti in materia di disarmo e di non proliferazione nucleare. Sta ai leader riuniti a Chicago compiere le scelte che consentano di non perdere questa occasione. Il livello ed il numero di sottoscrittori di questo appello è un segnale importante, che segue il pronunciamento del Parlamento italiano di pochi giorni fa, quando è stata approvata all’unanimità una mozione che impegna il Governo Monti proprio su obiettivi analoghi.

Ora ci auguriamo che questo appello non cada nel vuoto: ci sono le condizioni per rilanciare il ruolo globale dell’Alleanza Atlantica, assicurando allo stesso tempo la riduzione dei rischi nucleari in Europa e l’adozione di misure concrete nella direzione più generale di un mondo libero da armi nucleari”.

E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata, responsabile PD globalizzazione e membro del gruppo italiano dell'ELN – European Leadership Network for Multilateral Nuclear Disarmament and Non-Proliferation.

Quì puoi leggere il testo dell'appello dell'ELN in vista del Vertice NATO di Chicago.


Sull' Europa

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’OMOFOBIA: BASTA CON L’INTOLLERANZA E LE VIOLENZE, L’ITALIA APPROVI LEGGE CONTRO OGNI DISCRIMINAZIONE

17 maggio 2012 permalink 0commenti

“Oggi si celebra la Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia promossa dall'Unione Europea per ricordare la rimozione - avvenuta nel 1990 - dell'omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale pubblicata dall'Organizzazione mondiale della sanità, e per promuovere eventi internazionali di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare ogni fenomeno omofobico.

Si tratta di una giornata di impegno e di riflessione per la piena affermazione di un principio basilare, di un diritto umano fondamentale: nessuna discriminazione legata al proprio orientamento sessuale e alla propria identità di genere è più tollerabile in nessuna parte del mondo.

L’Europa lo ha scritto a chiare lettere all’art. 21 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, vietando ogni discriminazione fondata sulle tendenze sessuali.

E tuttavia, recenti sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo e rapporti del Consiglio d’Europa hanno messo in evidenza quanto siano ancora diffusi e gravi i casi di discriminazione in materia di diritti sociali e del lavoro, di universalità non garantita nell’accesso alle cure mediche e all’istruzione, di problemi nel riconoscimento dell’identità di genere e della vita familiare.

Si registrano inoltre, anche in Italia e in numero crescente, episodi di aggressione, di violenza, di bullismo che vedono vittime lesbiche, gay, bisessuali e transessuali, episodi che purtroppo maturano nel crescente clima di intolleranza e di odio su cui soffiano in modo irresponsabile movimenti populisti e xenofobi di destra in molti paesi europei.

Per parte nostra, in Italia è urgente contrastare ogni forma di violenza e di discriminazione, approvando finalmente anche nel nostro Paese una legge contro l’omofobia e per il pieno riconoscimento giuridico dei diritti fondamentali di coppie dello stesso sesso.

Più in generale, serve una risposta di civiltà e di rispetto della dignità umana, con una reazione corale dell’Europa e dell’intera comunità internazionale, per giungere alla depenalizzazione mondiale dell'omosessualità e al pieno riconoscimento di condizioni di libertà e uguaglianza di fatto e di diritto per ogni persona, nel rispetto della pluralità di orientamenti sessuali e identità di genere”.

E' quanto dichiara Federica Mogherini, deputata e responsabile globalizzazione PD.

Per la pace

LA CAMERA APPROVA MOZIONE SU DISARMO E NON PROLIFERAZIONE NUCLERE

15 maggio 2012 permalink 0commenti

 

La mia dichiarazione di voto di oggi in Aula sulla mozione su disarmo e non proliferazione nucleare in vista del vertice NATO di Chicago.
Quì il testo della mozione approvata all'unanimità.

chi sono
Sono nata a Roma il 16 giugno del 1973 da papà toscano (Anghiari, Arezzo) e mamma veneta (Vittorio Veneto, Treviso).
contatti mail: mogherini_f@camera.it
tel: 06.67605348
Fax: 06.67605726
Indirizzo: Camera dei Deputati, Piazza S. Claudio 166 - 00186 Roma


Questo blog è stato visto 1 volte

footer