.
Annunci online

federica mogherini
Per la pace

MINE ANTIPERSONA E CLUSTER BOMB: SI FERMI IL FINANZIAMENTO A PRODUZIONE E COMMERCIO IN ITALIA

6 settembre 2012 permalink 0commenti

Alla vigilia della riunione degli Stati parte della Convenzione di Oslo sulla messa al bando delle munizioni a grappolo (che registrerà per la prima volta la partecipazione dell’Italia in qualità di Stato parte) e in occasione della presentazione del “Cluster Monitor Report 2012”, è stata presentata oggi alla Camera dei Deputati una proposta di legge a prima firma di Federica Mogherini per contrastare in Italia il finanziamento della produzione, utilizzo, vendita, distribuzione e stoccaggio delle mine antipersona, delle munizioni e submunizioni cluster. La proposta di legge ha già raccolto oltre 60 adesioni di deputati del PD e di gran parte degli altri gruppi parlamentari, confermando un’attenzione e una sensibilità bipartisan sul tema, già registrate in occasione della ratifica parlamentare della Convenzione di Oslo del giugno 2011. La proposta di legge è stata condivisa con la Campagna contro le mine, la Fondazione Banca Etica e il Forum della Finanza Sostenibile, che hanno voluto confermare il loro convinto sostegno partecipando alla presentazione alla Camera di oggi. “Nel pieno di una crisi economica internazionale senza precedenti, generata da una speculazione che ha investito senza remore sul rischio finanziario e sull’opacità contabile a discapito dell’economia reale, i cittadini invocano maggiore trasparenza e responsabilità nella finanza, con scelte di investimento da parte degli istituti di credito e degli altri intermediari finanziari da ispirare a principi di maggiore eticità, per recuperare su questo terreno quella credibilità e affidabilità sociale che troppo spesso negli ultimi anni è stata messa in discussione. Interrompere il sostegno finanziario alla produzione e al commercio di mine antipersona e munizioni cluster, armi odiose che producono ancora oggi conseguenze drammatiche, con numerose vittime anche tra civili, a partire dai bambini, è una scelta doverosa e eticamente rigorosa. Con questa proposta, vogliamo dare un segnale concreto e fortemente simbolico proprio in questa direzione, sollecitando il Parlamento a completare il percorso avviato con la ratifica della Convenzione di Oslo. Per questo, come gruppo parlamentare del PD abbiamo assunto l’impegno di chiedere sin dai prossimi giorni la calendarizzazione di questa proposta di legge in Commissione Finanze, con l’obiettivo e la speranza di poter giungere alla sua discussione e approvazione in questi ultimi mesi di legislatura”. E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata e responsabile globalizzazione PD.

Per la pace

AFGHANISTAN: DALLA CAMERA SOSTEGNO A COOPERAZIONE ITALIANA A KABUL E IMPEGNO SU DIRITTI UMANI E DELLE DONNE

6 settembre 2012 permalink 0commenti

“E’ un bel segnale il fatto che il Governo abbia accolto oggi in aula alla Camera un ordine del giorno a mia firma per sostenere il lavoro delle ong italiane e afgane a Kabul. Il Governo italiano si è così impegnato a sostenere i progetti di cooperazione civile in difesa dei diritti umani e dei diritti delle donne, e a realizzare il progetto di Casa della Società Civile afgana da costruire a Kabul. È chiaro infatti che oggi il migliore investimento per la sicurezza  e la stabilità di quella regione, e quindi del mondo, è il rafforzamento dei soggetti democratici, degli strumenti di partecipazione, degli standard relativi ai diritti umani - con un'attenzione particolare a quelli di donne e bambini. Con l'approvazione dell'ordine del giorno, oggi, il governo si impegna ad instaurare un adeguato livello di consultazione con le organizzazioni della società civile italiana impegnate nel lavoro bilaterale con i partner afgani in occasione di tutte le future scadenze nazionali e internazionali, per assicurare che il processo di transizione verso la stabilità e la democrazia in Afghanistan possa fondarsi su basi solide di partecipazione democratica e di crescita sociale, economica e civile. Proprio in questa direzione, l’impegno assunto oggi dal Parlamento è di destinare una parte congrua dei futuri risparmi, realizzati con una riduzione graduale e concordata della presenza militare italiana, a progetti di cooperazione civile, ivi inclusi quelli non governativi e di cooperazione decentrata. Si tratta di proposte e impegni che vanno nella direzione più volte auspicata dalle stesse ong italiane raccolte nella rete Afghana, impegnate da anni in un lavoro sul campo faticoso ma sempre efficace, che fa davvero onore al nostro paese ed alle sue migliori energie". E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata e responsabile globalizzazione PD.

Democratica

I DIRITTI DELLE DONNE IN ITALIA E NEL MONDO

21 luglio 2012 permalink 0commenti

"I diritti delle donne in Italia e nel mondo"

Sabato 21 luglio 2012 - ore 21:00 - Festa Nazionale delle Donne PD - Ferrara 

Partecipano: Debora Serracchiani (Parlamentare europeo PD), Simona Lanzoni (Direttrice Pangea), Roberta Agostini (Portavoce nazionale Conferenza Donne PD), Federica Mogherini (Deputata e Responsabile Globalizzazione PD). Coordina Anna Ascani (Coordinatrice Donne PD Umbria)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. donne PD diritti Italia mondo

permalink | inviato da BlogMog il 21/7/2012 alle 10:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sull' Europa

CONVENZIONE EUROPEA CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE: NON BASTANO PIÙ LE RASSICURAZIONI GOVERNO, È TEMPO CHE ITALIA FIRMI

19 luglio 2012 permalink 0commenti

“Oggi in Aula alla Camera tutti abbiamo potuto apprezzare la sensibilità e l’atteggiamento favorevole con cui il Sottosegretario De Mistura ha condiviso l’urgenza di giungere alla firma, anche da parte dell’Italia, della “Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica”.

E’ un’adesione che attendiamo da mesi, sulla quale il Parlamento si è pronunciato più volte all’unanimità, riconoscendo l’utilità di uno strumento giuridico internazionale che porterà a rafforzare le misure di prevenzione, di tutela in sede giudiziaria, di sostegno alle donne che sempre più spesso sono vittime di violenza.

E tuttavia, di fronte ad una volontà politica unanimemente e ripetutamente espressa, che si è scontrata con presunte "lentezze burocratiche" che a quanto pare frenano una decisione finale, oggi non bastano più le rinnovate rassicurazioni del Governo. Servono scelte concrete e conseguenti, che ormai, dopo mesi di approfondimenti e di verifiche interne, non si vede il motivo di rinviare.

Abbiamo usato tutti gli strumenti istituzionali che erano a nostra disposizione per sollecitare il Governo a firmare la Convezione, e l'abbiamo fatto sempre con una trasversalità ed un'unità tra diversi gruppi parlamentari davvero eccezionale. Continueremo a farlo. Ma da oggi chiameremo anche alla mobilitazione l’intera società – dalle donne, alle associazioni, ai partiti – con una petizione popolare per sollecitare l’adesione italiana, come lo stesso network dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa "Women Free from Violence" ha invitato a fare. Come PD, lo faremo fin dalle prossime ore, per riuscire ad arrivare presto - magari in occasione della prossima riunione della Commissione Eguaglianza e Non Discriminazione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, il prossimo 13 e 14 settembre a Tirana - ad annunciare finalmente l’adesione dell’Italia alla Convenzione. La violenza contro le donne non è, non può essere, oggetto di esercizi di retorica: é nostro preciso e non rinviabile dovere fare tutto il possibile per fermarla. Subito."

E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata, responsabile globalizzazione PD e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, prima firmataria dell’interpellanza urgente discussa oggi in Aula alla Camera.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. donne violenza Consiglio d'Europa Italia

permalink | inviato da BlogMog il 19/7/2012 alle 16:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sull' Europa

PER L'ADESIONE DELL'ITALIA ALLA CONVENZIONE EUROPEA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

19 luglio 2012 permalink 0commenti






Gli interventi di illustrazione e di replica sull'interpellanza urgente a mia prima firma discussa oggi alla Camera sull'adesione dell'Italia alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica.
Per la pace

LIBERAZIONE ROSSELLA URRU: LAVORO PAZIENTE E DISCRETO DELLA FARNESINA, GRATI A ROSSELLA E AI COOPERANTI ITALIANI PER LORO IMPEGNO ALL’ESTERO

18 luglio 2012 permalink 0commenti

“La liberazione di Rossella Urru è una notizia che attendevamo da tempo con speranza e fiducia, e della quale dobbiamo essere grati alla Farnesina, che ha compiuto in questi mesi un lavoro paziente e discreto per giungere a questa conclusione positiva. In questo momento di gioia, il pensiero e la vicinanza vanno alla famiglia di Rossella Urru, ai suoi colleghi e alla ong per la quale lavora, il CISP (Comitato internazionale per lo sviluppo dei popoli), in particolare per il modo in cui hanno affrontato con sensibilità, accortezza e tenacia il caso, superando mesi difficili, così carichi di tensione e di incertezze. A Rossella Urru, come ai tantissimi altri cooperanti italiani impegnati, nonostante tutte le avversità, in aree di crisi e in paesi poveri, va un ringraziamento profondo per un lavoro, quello della cooperazione allo sviluppo, che merita sostegno, riconoscimento e maggiori investimenti come strumento fondamentale della nostra politica estera e come mezzo per promuovere un modello di crescita più equilibrata e sostenibile a livello globale”. E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata PD e Responsabile Globalizzazione del PD.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Rossella Urru Italia cooperazione allo sviluppo

permalink | inviato da BlogMog il 18/7/2012 alle 20:5 | Versione per la stampa
Sull' Europa

CONVENZIONE EUROPEA CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE: INTERPELLANZA URGENTE PER CHIEDERE FIRMA DEL GOVERNO ITALIANO

11 luglio 2012 permalink 0commenti

“Oggi abbiamo depositato un’interpellanza urgente al Governo per sapere perché, dopo ripetuti pronunciamenti favorevoli del Parlamento e trascorsi diversi mesi, l’Italia non abbia ancora firmato la “Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica”.

Si tratta di un primo, importante strumento internazionale giuridicamente vincolante per garantire una protezione alle donne contro qualsiasi forma di violenza, che introduce misure concrete di prevenzione, di tutela in sede giudiziaria, di sostegno alle vittime.

La Convenzione è già stata firmata da 21 tra i principali paesi europei, tra cui Germania, Francia, Gran Bretagna, Spagna,  Austria, Svezia, Finlandia, Norvegia, Grecia, Portogallo, Turchia.

Si tratta di uno strumento ancora più utile di fronte al crescere del numero di episodi di violenza contro le donne in Italia e in Europa, che delineano un  dramma umano e sociale che spesso si consuma innanzitutto all’interno dei nuclei familiari  e che richiede iniziative urgenti di prevenzione e di sostegno alle vittime.

Per questo ci auguriamo che il Governo italiano, in coerenza con gli impegni già assunti in tal senso in sede parlamentare, sottoscriva con urgenza la Convenzione europea contro la violenza sulle donne e consenta al Parlamento di ratificarla e renderla esecutiva prima possibile”.

E’ quanto dichiara Federica Mogherini (deputata, responsabile globalizzazione PD e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa), prima firmataria dell’interpellanza urgente sottoscritta anche da Deborah Bergamini (PDL), Paola Binetti (UDC), Giulia Bongiorno (FLI), Massimo Polledri (Lega Nord) e da numerosi parlamentari del Partito Democratico.

Per la pace

PARTECIPAZIONE ITALIANA A MISSIONE OSSERVATORI ONU IN SIRIA

5 luglio 2012 permalink 2commenti


Il mio intervento in Aula sulla partecipazione italiana alla missione di osservatori Onu in Siria.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Siria ONU Italia pace

permalink | inviato da BlogMog il 5/7/2012 alle 12:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Sull' Europa

VIOLENZA DONNE: DI FRONTE A EMERGENZA IN CRESCITA, È URGENTE ADESIONE ITALIANA A CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D’EUROPA

3 luglio 2012 permalink 0commenti

“Le notizie di cronaca continuano a riproporre, ormai quotidianamente, l’emergenza della violenza contro le donne nel nostro paese.

Lo confermano, oltre ai nuovi drammatici episodi di questi giorni, anche i dati diffusi dalla piattaforma CEDAW delle Nazioni Unite, secondo cui in Europa ogni giorno 7 donne vengono uccise dai loro partner.

In Italia, nel 2011 sono morte 127 donne (il 6,7% in più rispetto al 2010) e quest’anno fino a giugno si sono già registrate 63 vittime.

Si deve affrontare con urgenza un vero e proprio dramma sociale, che nasce e spesso si consuma innanzitutto all’interno dei nuclei familiari, con strumenti concreti di sostegno alle vittime (a partire dai centri di ascolto e antiviolenza) e con misure di contrasto al disagio economico e alla marginalità sociale in cui maturano la conflittualità nelle relazioni, la discriminazione e gli abusi sulle donne. Ma soprattutto va combattuta una cultura diffusa di acquiescenza, di tolleranza e di indifferenza verso ogni forma di violenza - fisica e psicologica – di cui purtroppo sono ancora vittime le donne nel nostro Paese.

Per questo, si avverte ancora di più l’urgenza che l’Italia aderisca alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne e alla violenza domestica, firmata a Istanbul nel 2011.

Il Governo italiano è stato già più volte sollecitato in questo senso dal Parlamento, con un invito che vogliamo rinnovare, affinché anche il nostro Paese possa recepire - come già avvenuto nei principali paesi europei – uno strumento giuridico internazionale essenziale per proteggere le donne da qualsiasi forma di violenza, attraverso misure di prevenzione, di tutela in sede giudiziaria, di sostegno alle vittime che sono previste dalla Convenzione di Istanbul".

E’ quanto dichiara Federica Mogherini, deputata, responsabile globalizzazione per il PD e membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa.

Per la pace

AFGHANISTAN: CORDOGLIO PER CADUTA MILITARE ITALIANO. CHIARIRE DINAMICA E RESPONSABILITÀ SU INCIDENTE, MA NON APRIRE OGGI DIBATTITO SU FUTURO MISSIONE

25 giugno 2012 permalink 0commenti

"Voglio esprimere parole di cordoglio e di vicinanza alla famiglia - in particolare alla giovane moglie e al figlio piccolissimo - del carabiniere scelto Manuele Braj, caduto oggi nella base di addestramento di Adraskan, in Afghanistan.

Sarà importante che il Governo italiano chiarisca la dinamica e le responsabilità di quanto accaduto, per un dovere di trasparenza e di chiarezza, e per dare conto di quanto le nostre forze armate operino nelle condizioni di massima sicurezza possibile in un teatro di crisi come quello afghano.

Ma è giusto anche ribadire come proprio nel giorno della morte di un militare italiano non sia opportuno aprire un dibattito pubblico per rimettere in discussione il nostro impegno in Afghanistan, sia perché questo è esattamente l'obiettivo degli insurgents - e assecondare questa prospettiva vanificherebbe l'impegno internazionale di anni e anni -, sia per rispetto a chi ha perso la vita (che siano militari, italiani o di altri paesi, o civili afghani).

Ogni riflessione su obiettivi, sviluppi e tempi della missione internazionale in Afghanistan è fondamentale che si svolga in Parlamento e in seno all'Alleanza Atlantica, in modo trasparente e con scelte condivise tra alleati e utili a stabilizzare e dare una prospettiva duratura di pace e di sviluppo ai civili afghani ed all'intera regione".

E' quanto dichiara Federica Mogherini, deputata, Segretario della Commissione Difesa e responsabile Globalizzazione PD.

chi sono
Sono nata a Roma il 16 giugno del 1973 da papà toscano (Anghiari, Arezzo) e mamma veneta (Vittorio Veneto, Treviso).
contatti mail: mogherini_f@camera.it
tel: 06.67605348
Fax: 06.67605726
Indirizzo: Camera dei Deputati, Piazza S. Claudio 166 - 00186 Roma


Questo blog è stato visto 1 volte

footer